Fatturazione elettronica tra privati – In arrivo dal 1 Luglio 2016

fatturazione elettronica tra privatiI processi di fatturazione elettronica tra privati, escludendo i sistemi EDI (Electronic Data Interchange), sono stati interpretati finora come una semplice trasmissione di fatture PDF allegate a mail/PEC. I vantaggi sono evidentemente limitati al solo risparmio del trattamento della carta senza incidere sulla parte relativa alla registrazione, ma con l’introduzione del D.Lgs. n. 127 del 5 agosto 2015, sarà possibile disporre di uno strumento moderno, efficace e collaudato come quello del SDI (Sistema di Interscambio) che consentirà di superare il limite del semplice trattamento “attivo”, permettendo una completa automazione delle fasi di controllo, validazione e registrazione.

I contribuenti che utilizzeranno in via sperimentale le nuove modalità, emetteranno le proprie fatture nel formato XML standard già previsto per quelle verso la PA e inviarle a SdI; come per le fatture elettroniche inviate alla PA, anche queste dovranno essere necessariamente conservate nello stesso modo. I meccanismi di fatturazione elettronica tra privati potrà essere gestita facilmente, grazie ad una naturale estensione dell’infrastruttura per la formazione e l’invio delle fatture elettroniche alla PA. Gli incentivi messi in campo dal Governo appaiono interessanti e sufficienti per il passaggio alla fatturazione elettronica ma il vantaggio maggiore è senza dubbio per chi riceve le fatture in formato strutturato, in quanto le aziende che riceveranno fatture XML nel formato standard potranno predisporre il caricamento automatico dei dati nei propri sistemi, favorendo l’apertura di nuovi scenari di automazione dei processi aziendali, con conseguenti risparmi molto consistenti. 

Oltre agli innumerevoli vantaggi tecnici dovuti all’implementazione di un sistema di fatturazione elettronica standard, sono stati finora comunicati una serie di vantaggi fiscali incentivanti, quali:

  • Eliminazione dell’obbligo dalla trasmissione delle transazioni attraverso lo spesometro;
  • Eliminazione dell’obbligo dalla trasmissione delle comunicazioni operazioni blacklist;
  • Eliminazione dell’obbligo dalla trasmissione degli acquisti effettuati da operatori di San Marino;
  • Eliminazione dell’obbligo dalla trasmissione dei modelli Intrastat;
  • Eliminazione dell’obbligo dalla trasmissione dei contratti stipulati dalle società di leasing;
  • Rimborsi dei crediti IVA entro i 3 mesi successivi alla presentazione della dichiarazione annuale (anche in assenza delle garanzie previste dall’articolo 30 del Dpr 633/72);
  • Tempistiche su verifiche, controlli e accertamenti fiscali ridotte ad 1 anno ;
  • Eliminazione dell’obbligo dall’obbligo di apposizione del visto di conformità;
  • Eliminazione dell’obbligo dall’obbligo di registrare le fatture emesse e gli acquisti nell’apposito registro.

EDOC è la piattaforma di gestione documentale sviluppata da Elmi Software che consente la gestione dei documenti e dei contenuti che si integrano con i processi aziendali, permettendo di sfruttare le opportunità sopra esposte.

Le tecniche avanzate di integrazione di EDOC con i più diffusi sistemi ERP (ACG, Vision4, SAP B1, ARCA, INAZ, etc. ) consente l’estrazione dei dati, la formazione e l’invio dei documenti XML con la tracciatura degli esiti; inoltre permette di automatizzare l’intera parte di ricezione e registrazione dei documenti in contabilità ed eventualmente gestirli nei processi di approvazione attraverso il motore di worfklow grafico di EDOC.

Ogni documento archiviato su EDOC (PEC, Fattura XML, Etc.) potrà essere conservato in formato elettronico secondo le normative vigenti per la Conservazione Digitale; Elmi Software, oltre al supporto tecnico, è in grado di offrirvi servizi di Consulenza tecnico-normativa per l’implementazione di processi documentali a norma.

 

Taggato con: , , ,
PO FESR Sicilia 2014-2020
I Nostri Partner Tecnologici

I nostri Partner

IBM Lenovo Oracle SAP
Twitter